Marocco, produzione record sopra le 200 mila tonnellate

I risultati frutto di un articolato programma di investimento
Mercato alimentare nel mondo
Views: 600

Previsioni record per il Marocco dove si conta di chiudere la campagna con oltre 200 mila tonnellate di olio d’oliva. Un risultato, stando ai dati provvisori del Consiglio oleicolo internazionale (CIO) di gran lunga superiore alle 160 mila tonnellate della passata campagna e alle 145 mila di quella ancora precedente.
Ad oggi, secondo la Fédération Interprofessionnelle Marocaine de l’Olive (Interprolive), in Marocco vi sono 1,2 milioni di ettari di oliveti rispetto agli 800 mila del 2010, una crescita sostenuta dal programma “Maroc Vert”, o Green Morocco, un piano pluriennale di sviluppo agricolo ad ampio raggio varato dal governo.
Tra le sfide per gli olivicoltori locali c’è il clima caldo e arido del paese, che ha reso necessaria una significativa espansione dei servizi e delle tecnologie di irrigazione, permettendo, con tecnologie innovative, di ridurre il consumo di acqua di oltre il 50%.
Secondo l’analista agronomico spagnolo Juan Vilar Strategic, il ritmo di sviluppo dell’olivicoltura marocchina sta portando rapidamente il paese a essere uno dei produttori globali più importanti fuori dall’Unione europea, unendosi a paesi come Tunisia e Turchia che, sempre secondo il CIO, si attestano rispettivamente a 240 e 227 mila tonnellate.

Scopri di più

Potrebbe piacerti anche

“Oleocantale e oleaceina rallentano la leucemia”
Giacenze in calo, ma non per merito dell’extravergine italiano

Author

Potresti leggere