Pieralisi partner nel recupero di 20 mila piante di olivo abbandonate

In Spagna un interessante progetto di grande valenza ambientale e sociale
Economia
Views: 1K

di

L’azienda Pieralisi è partner attiva di un importante progetto ambientale e sociale che, attraverso il recupero di quasi 20 mila piante di olivo in stato di abbandono, ha permesso di creare occupazione nel piccolissimo villaggio rurale di Oliete, neanche 400 abitanti, nella regione spagnola della Sierra de Arcos di Andorra, evitando così l’inevitabile e definitivo spopolamento.

Un olivo adottato a distanza

Il progetto è guidato dalla ONG Apadrinaunolivo.org e consiste nel dare in adozione a distanza piante di olivo: con un contributo annuale di 60 euro, ognuno può “battezzare” un olivo come se fosse il padrino o la madrina, visitarlo quando vuole, ricevendo dall’agricoltore le spiegazioni sulla varietà e le caratteristiche della pianta nonché sulle qualità organolettiche dei 2 litri di olio extravergine che riceverà ogni anno.

Una sommatoria di valori

Una iniziativa che racchiude in sé una infinità di valori: genera occupazione, sia dando lavoro alle persone del luogo, sia coinvolgendo persone con disabilità mentale tramite la collaborazione di una associazione dedicata; genera un turismo rurale grazie alle visite che vengono organizzate per permettere ai “padrini” e “madrine” di visitare gli oliveti adottati; preserva ambiente e biodiversità, contribuendo ad aumentare anche l’impronta di carbonio.

Il tutto, al netto di un olio extravergine di altissima qualità che ha ottenuto complessivamente più di 50 premi nei vari concorsi, emergendo come il miglior olio della Denominazione di Origine Bajo Aragón in tre occasioni nelle edizioni 2020, 2022 e 2024.

Guardando alla prossima campagna, Pieralisi España e la ONG Apadrinaunolivo.org stanno lavorando alla ristrutturazione del piccolo frantoio di Oliete, che attualmente genera 43 posti di lavoro diretti e stabili in questa zona rurale. Obiettivo del progetto di ristrutturazione è il miglioramento e l’ampliamento della produzione sempre con macchine che utilizzano la tecnologia Pieralisi.
“Pieralisi España – hanno evidenziato dalla ONG – ha nel suo Dna un approccio ingegneristico che persegue l’eccellenza, diventando strumento di crescita e, allo stesso tempo, scelta sostenibile nella selezione dei materiali, nell’attenzione al risparmio energetico e al consumo idrico, ma anche nella facilità d’uso e manutenzione.
I valori Pieralisi sono legati alla riduzione dell’impatto sull’ambiente, alla tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori, alla ricerca dei più alti standard di qualità nei prodotti e nei servizi. Quindi i principali valori imprescindibili che da sempre guidano Pieralisi nelle sue attività e le permettono di migliorare costantemente i risultati, trasmettendone i benefici ai propri clienti”.

Sfoglia gratuitamente L’OlivoNews cliccando qui.

Tags: Apadrinaunolivo.org, in evidenza, Oliete, Pieralisi

Potrebbe piacerti anche

Xylella, in arrivo altri 30 milioni per rimpianti e riconversioni
Olio di oliva, più snelli e in forma con un consumo regolare

Potresti leggere