La Xylella sempre più attuale, tra speranze e drammatiche realtà

Batterio a due passi da Bari, annunciata una scoperta
Enti e Associazioni
Views: 947

Non si arresta la corsa della Xylella che è ormai arrivata anche in agro di Putignano. È il sesto comune della provincia di Bari ad essere stato colpito dal batterio, secondo l’ultimo monitoraggio dell’Osservatorio fito-sanitario della Regione Puglia. Come si evince dal sito istituzionale “Emergenza Xylella” altri 21 olivi positivi che portano il totale stagionale a 341 piante infette, di cui le prime due in agro di Putignano, rappresentando – questo comune – il nuovo limite occidentale dell’epidemia. Altre 14 piante, invece, hanno formato un nuovo focolaio in agro di Castellana Grotte.
Per CIA Agricoltori Italiani Puglia si è aspettato già fin troppo. Occorre procedere subito alla nomina di un Commissario governativo che abbia poteri straordinari e risorse aggiuntive e straordinarie rispetto a quelle già stanziate. CIA-Agricoltori Italiani di Puglia sollecita il conferimento di incarico a un Commissario che agisca sulla base di un preciso cronoprogramma di azioni, con misure di contrasto più radicali e veloci, accompagnando quelle misure con l’erogazione più celere dei contributi e regole più agili al fine di procedere a eradicazioni e reimpianti.

Per Gennaro Sicolo, presidente di CIA Puglia e vicepresidente nazionale di CIA-Agricoltori Italiani (nella foto), “il Governo non può continuare ancora a rimandare la nomina di un Commissario. La Xylella, infatti, non aspetta i tatticismi della politica. Il batterio avanza sempre più a nord e continua a distruggere tanti altri oliveti. Questo potere di mettere in stand by il problema non ce l’ha nessuno, né la politica né la burocrazia o i tempi della magistratura”, aggiunge Sicolo. “Nella lotta al contrasto della Xylella, così come sull’erogazione delle risorse e l’attuazione delle misure per la rigenerazione olivicola sono stati accumulati troppi ritardi. Nel frattempo, mentre al ministero dell’Agricoltura negli ultimi dieci anni si sono avvicendati ben sette diversi ministri, la Xylella ha avuto il tempo di distruggere ben 22 milioni di olivi e di ridurre di un terzo il potenziale produttivo olivicolo regionale, in pratica azzerando l’olivicoltura delle province di Lecce, Brindisi, Taranto e delle altre zone colpite, arrivando anche in provincia di Bari. Ciò che è successo è gravissimo, tenuto conto che in dieci anni si è passati da un’area di 25mila ettari colpita dal batterio agli attuali 750mila ettari. “Gli olivicoltori della Puglia hanno riposto grande fiducia in questo Governo”, chiosa Sicolo, “per cui auspicano che il ministro Francesco Lollobrigida possa nominare al più presto un Commissario che dia una svolta su misure di contrasto, risorse, reimpianti e azioni per la rigenerazione olivicola perché è necessaria una vera e propria svolta per porre fine a un problema che sta falcidiando la nostra olivicoltura”.

Nel frattempo, giunge la notizia che da uno studio dell’Università d’Annunzio di Chieti potrebbero giungere nuove terapie per combattere la Xylella. Condizionale d’obbligo per noi dell’Olivo News che ne abbiamo sentite troppe attorno a questa tragedia olivicola per lasciarci incantare. Una notizia che merita comunque di essere divulgata (pronti ad evidenziarne futuri riscontri concreti), magari senza quei toni trionfalistici con cui è stata diffusa dalle agenzie. Parliamo di un nuovo nano materiale – denominato “ArgiriumSUNc” – che sarebbe in grado di agire efficacemente su molti patogeni sia batteriche che fungini, responsabili di molte patologie sia in campo medico che in fitopatologia. Il nuovo nano materiale è stato caratterizzato e sintetizzato per la prima volta stabile in soluzione acquosa nei laboratori dell’università da una equipe di ricercatori coordinata dal dottor Luca Scotti (nella foto) che da anni si occupa di nuovi materiali e che svolge la sua attività di ricerca presso il Dipartimento di scienze mediche, orali e biotecnologiche dell’Ateneo.

L’efficacia di questo materiale, assicurano, è stata comprovata da diverse sperimentazioni in vitro ed ora anche precliniche e cliniche, coinvolgendo altri centri di ricerca sparsi sul territorio nazionale: le università di Teramo, di Roma Tor Vergata e di Perugia. L’ArgiriumSUNc, il nuovo nano composto frutto di questa ricerca, ha richiesto cinque anni di sperimentazione e di controlli al fine di comprendere la sua efficacia e la sua eventuale tossicità: i risultati sono stati pubblicati sulle maggiori riviste scientifiche del settore come “Scientific report di nature” ad alto impatto nel settore sia dei nano-materiali sia delle sperimentazioni in campo microbiologico, fitopatologico e biomedico. Azzarda il capo-ricercatore: “Possiamo ritenere a ragione che da oggi la Xylella, questa patologia che tanto preoccupa i coltivatori dell’ulivo, sia trattabile efficacemente e che ArgiriumSUNc possa offrire una reale e concreta soluzione al problema”.

Tags: Cia Puglia, in evidenza, Sicolo, Università Chieti, Xylella

Potrebbe piacerti anche

Le trappole entomologiche per la cattura della Mosca dell’olivo
Olio di oliva, le quotazioni della settimana: 30 giugno 2023

Author

Potresti leggere