Per medi e grandi frantoi ecco il nuovo decanter SPI 56.2

L'innovazione Pieralisi per rispondere alle esigenze del mercato
Economia
Views: 1K

In risposta alla crescente richiesta da parte di frantoi e cooperative olearie della penisola iberica che necessitano di macinare grandi quantità di olive in tempi ridotti, Pieralisi annuncia il lancio del decanter di nuova generazione, SPI 56.2. Questo nuovo decanter offre una molitura più veloce ed efficiente di circa il 25%, senza la necessità di apportare modifiche alla precedente installazione del frantoio, ma semplicemente sostituendo una macchina con l’altra.

Il decanter SPI 56.2 si distingue per la capacità produttiva migliorata che permette di processare una maggiore quantità di prodotto nell’unità di tempo, garantendo la massima resa di estrazione, per la possibilità di refrigerare la flangia uscita liquidi al fine di preservare la qualità dell’olio in uscita. Inoltre, il design Pieralisi che facilita la pulizia e la possibilità di lavorare in 2 fasi come in questo caso o a 3 fasi (con lo Scorpion 56.3), a seconda delle esigenze del processo di estrazione.

Antonio Carazo, Product Manager di Pieralisi in Spagna e Portogallo, ha sottolineato che questo nuovo decanter risponde direttamente alle richieste avanzate dai mastri oleari e dai responsabili della produzione e della qualità nei frantoi. “Noi di Pieralisi diamo una risposta rapida alle esigenze del settore, garantendo caratteristiche organolettiche degli extra vergini premium”, ha aggiunto Carazo.

Uno dei principali vantaggi di questa soluzione è la sua facile integrazione nell’impianto esistente, poiché può sostituire direttamente modelli precedenti come Jumbo 4 (SPI 7) o SPI 333. Pieralisi è a disposizione per fornire consulenza strategica sull’impianto di produzione dell’olio d’oliva, garantendo un servizio rapido ed efficiente 24 ore su 24, 7 giorni su 7, soprattutto durante i mesi della stagione olivicola.

Tags: decanter 56.2, in evidenza, mercato iberico, Pieralisi

Potrebbe piacerti anche

L’olio di oliva protagonista alla Giornata del Made in Italy
Margaronia, da parassita minore a minaccia per l’olivo

Author

Potresti leggere