Dea Carolea, un brand unico per l’olio extravergine Lametia Dop

L'iniziativa del Consorzio di Tutela per valorizzare il prodotto
Enti e Associazioni
Views: 2K

Di vera e propria svolta culturale si può parlare grazie alle aziende del Consorzio di Tutela Olio Extravergine di oliva Dop, che hanno deciso di mettere insieme il loro prezioso extravergine di oliva certificato DOP per proporre al consumatore un unico prodotto in una veste elegante, con un packaging progettato ad hoc, e sotto l’evocativo brand Dea Carolea.

Alla base del progetto, sostenuto dalla Regione Calabria, c’è l’idea ambiziosa di questo gruppo di produttori lungimiranti che svela oggi al mercato internazionale un esclusivo prodotto certificato Dop. Confezionare insieme un unico lotto di prodotto costituisce un indubbio vantaggio competitivo soprattutto rispetto all’export e all’internazionalizzazione.

Qualità, tracciabilità e territorialità sono i tre pilastri su cui il Consorzio Dop Lametia basa la sua azione. Il Consorzio accomuna produttori e aziende che, con passione e lavoro sinergico, certificano l’olio d’oliva extravergine Lametia Dop, essenza di un intero territorio storicamente vocato alla produzione d’olio.

Espressione di una cultura millenaria e di un’identità predominante, il Consorzio custodisce, tutela e valorizza la cultivar Carolea ed i soci condividono un importante investimento per la promozione, finalizzato alla comunicazione delle sue peculiari caratteristiche e qualità, ed alla sua conseguente diffusione commerciale. La Carolea è espressione di identità, nelle storie, nei ricordi e nelle abitudini delle famiglie, nelle ricette e nell’ispirazione artistica che nasce dai suoi tronchi contorti e dalle sue chiome argentee.

Ogni confezione Dea Carolea è tracciabile e dotata di un numero progressivo per garantire la massima trasparenza. Il Dop Lametia è prodotto esclusivamente nei nove comuni della piana di Lamezia Terme, con le loro distese di ulivi ultracentenari tutelati e promossi dal Presidio Slow Food, che hanno ottenuto il marchio comunitario: Curinga, Filadelfia (in parte), Francavilla Angitola (in parte), Lamezia Terme, Maida, San Pietro a Maida, Gizzeria, Feroleto Antico e Pianopoli.

La certificazione costituisce dunque una garanzia per il consumatore, trattandosi di un olio di maggiore qualità connesso all’identità culturale del territorio. Valorizzando e promuovendo quest’ultimo, il Consorzio rappresenta una leva per la crescita socioeconomica, per la capacità di attrarre turismo e dare maggiore impulso all’economia locale.

Con uno sguardo rivolto al futuro, le aziende del Consorzio si muovono nella direzione della sostenibilità, non solo ambientale ma anche economica e sociale.

Sostenibilità tradotta in termini di utilizzo di risorse rinnovabili ed economia circolare con la valorizzazione degli scarti agricoli, di tutela e valorizzazione della biodiversità, di inclusione sociale.

Tags: Calabria, Dea Carolea, in evidenza

Potrebbe piacerti anche

Per la definizione artigianale dell’olio extravergine di oliva
Al capezzale dell’olivicoltura malata: le possibili cure

Author

Potresti leggere