Perché il prezzo dell’olio d’oliva è dovuto aumentare così tanto?

Dalla Spagna una interessante riflessione su consumi
Economia
Views: 2K

L’Associazione spagnola dei Comuni dell’olio (Aemo) ha presentato una interessante relazione sulla situazione attuale del prezzo dell’olio d’oliva in Spagna, spiegandone le cause, ma anche le azioni che si stanno attuando per informare i cittadini sull’attuale situazione del mercato.

In questo senso, il direttore dell’Associazione, José Mª Penco ha sottolineato come l’olio d’oliva non abbia mai raggiunto, né si è nemmeno avvicinato, al prezzo attuale, poiché per la categoria extravergine sono stati superati gli 8,5 €/kg all’origine. Ha spiegato che si è toccato probabilmente il punto più alto, e dunque è attesa una discesa dei prezzi, ancorché si è in presenza di un mercato con difficili previsioni.

L’Associazione ha evidenziato che questa situazione non avvantaggia nessun anello della catena del valore, e ancor meno il consumatore che la subisce nel portafoglio. Al riguardo è stato chiarito che questo scenario si è verificato esclusivamente a causa della mancanza del prodotto sul mercato, dovuto ad una prolungata e grave siccità, unitamente ad altre circostanze climatiche come le temperature estreme in fioritura durante le ultime due primavere. E per questo, è stato detto, non vi è colpa da attribuire ad alcuno né si possono cercare capri espiatori perché non ce ne sono.

L’Associazione ha evidenziato che, a fronte di un livello teorico di 1,5 milioni di tonnellate di olio d’oliva, la Spagna nell’ultima campagna ne ha prodotte circa 680.000… e per la campagna attuale, che inizia adesso, probabilmente non si supereranno le 800.000 tonnellate. “Quindi – il ragionamento dell’Aemo – non c’era altra scelta che ridurre la produzione aumentando i prezzi. Questo è ciò che il mercato ha naturalmente fatto in base alla regola elementare della domanda e dell’offerta”.

La grande domanda, riflette AEMO, è: perché il prezzo dell’olio d’oliva è dovuto aumentare così tanto affinché il suo consumo diminuisse? E la risposta, per certi versi paradossale, che l’Associazione si è data è stata quella del forte desiderio che il consumatore ha dimostrato fino in fondo nel non voler rinunciare al suo olio preferito. “Questa è la lezione positiva che AEMO ha tratto da tutto questo – è stato detto dall’Associazione – : abbiamo un tesoro, un prodotto molto apprezzato dal consumatore, più di quanto pensassimo, e questo dovrebbe servire affinché quando le acque torneranno alla normalità, il prezzo dell’olio non scenda troppo ma raggiunga il giusto prezzo che remunera l’olivicoltore”.

Sullo stesso tema un articolo pubblicato su Olive Oil Times rileva che sulla base di uno studio condotto su 20 catene di supermercati online, il prezzo medio dell’olio extra vergine di oliva white label in Spagna è pari a 8,72 € al litro, più alto del prezzo medio raggiunto in Italia, in Francia e in Portogallo.

I ricercatori  hanno fornito diverse ragioni per cui i prezzi dell’olio d’oliva rimangono più alti in Spagna rispetto ad altri produttori dell’Europa occidentale. Uno dei motivi principali è proprio l’enorme richiesta di olio d’oliva, profondamente radicata nella cultura e nella gastronomia spagnola.

Nelle cinque campagne agricole precedenti (dal 2017/18 al 2021/22, l’ultimo anno per il quale è disponibile un set di dati completo), la Spagna ha consumato una media di 530.000 tonnellate all’anno, rendendo il Paese di 48 milioni di persone il più grande consumatore mondiale .

A differenza di altri grassi, l’olio d’oliva è un ingrediente insostituibile nella cucina spagnola, contribuendo ad una domanda costantemente elevata.

Secondo Juan Vilar, consulente strategico per il settore dell’olio d’oliva, i consumatori non cercano alternative anche quando i prezzi aumentano, optando invece per ridurre il consumo di olio di oliva. Ciò si traduce in un flusso costante di domanda di olio d’oliva da parte dei rivenditori anche se l’offerta diminuisce, creando uno squilibrio che non esiste in altri paesi.

Tags: Aemo, in evidenza, produzione, Spagna

Potrebbe piacerti anche

Produzione tunisina attesa a 220 mila tonnellate
Confagricoltura, previsioni “nere” per l’olivicoltura ligure

Author

Potresti leggere