Quali strategie per ridurre lo stress idrico dell’olivo

Enrico Maria Lodolini, ricercatore del Crea, indica le possibili alternative
Tecnica e Ricerca
Views: 3K

di

“L’olivo, lo sappiamo bene, è una specie fortemente tollerante allo stress idrico. Ma per avere produzioni costanti occorre la mano dell’uomo. E di strumenti ce ne sono”.
Enrico Maria Lodolini (nella foto), ricercatore del CREA – Centro di Ricerca Olivicoltura, Frutticoltura e Agrumicoltura nella sede di Roma, non ha dubbi sul fatto che convivere con stagioni sempre più siccitose sia possibile per l’olivicoltore, a patto che si adottino adeguate soluzioni.
Dott. Lodolini, partiamo da questa estate in cui non sta piovendo più. Quali riscontri si hanno?
“Il primo effetto, ma non l’unico, è una riduzione della produzione. La pianta tende a disseccare i suoi frutti e a farli cadere per trattenere acqua per la propria sopravvivenza. D’altra parte, si potrebbe dire, che se lo può permettere: vivendo centinaia d’anni, non è per essa un problema se qualche annata non produce olive”.
Non l’unico effetto diceva: quali altri?
“Nelle piante giovani lo stress idrico porta ad una crescita stentata e ad un ritardo nell’entrata in produzione. L’assenza d’acqua riduce inoltre il tasso di fotosintesi e quindi genera una minore produzione di carboidrati per la crescita vegetativa della pianta o dei suoi frutti. Altro effetto si ha anche sull’olio: in asciutto, oltre al minor accumulo di olio nei frutti, gli oli risultano più amari e piccanti perché più ricchi di polifenoli. Certo, questo sarebbe un valore aggiunto per la qualità, ma può anche comportare difetti sotto il profilo organolettico con una sensazione di fieno-legno poco gradevole che il nocciolo tende a rilasciare”.
È facilmente percepibile quando una pianta va in stress idrico?
“Decisamente. Foglie accartocciate o frutti raggrinziti sono sintomi di uno stress idrico avanzato. Ovviamente sarebbe opportuno non arrivare a tali livelli di carenza idrica”.
Veniamo all’irrigazione…
“…per dire subito che ha grandi benefici, specie nelle piante giovani. “L’irrigazione a goccia è sicuramente consigliata laddove vi sia capacità irrigua. Si tratta di ali con gocciolatori autocompensanti che, specie negli impianti ad alta o altissima densità, diventano fondamentali. La scelta del posizionamento delle ali gocciolanti (sospesa, a terra o sotto terra), della distanza dei gocciolatori, del turno e delle dosi di adacquamento variano in base alle condizioni pedo-climatiche specifiche e alle caratteristiche dell’impianto irriguo”._
E dove non c’è acqua?
“Negli oliveti tradizionali va aumentato il contenuto di sostanza organica nel terreno. La sostanza organica è una spugna in grado di trattenere fino a 10-15 volte il proprio peso e a termoregolare il suolo. Dunque, dobbiamo inerbire gli oliveti, trinciare i residui di potatura, apportare sostanza organica esterna come il compost o i residui di altre coltivazioni e, se disponibile in azienda, distribuire il letame”.
Le innovazioni legate all’agricoltura 4.0 possono essere di supporto?
“Certamente, esiste una sensoristica evoluta in grado di monitorare il livello d’acqua nel suolo o nella pianta, permettendoci di capire da remoto quando è il momento per irrigare. Sono i cosiddetti Sistemi di Supporto alle Decisioni (DSS), vale a dire dispositivi utili ad aiutare l’azienda a decidere il momento ottimale per intervenire non solo per una migliore gestione dell’acqua, ma anche per la difesa fitosanitaria o per la concimazione. Tra l’altro sono strumenti che beneficiano di sostegno pubblico e dunque sono vivamente da consigliere soprattutto per chi è indirizzato verso un’olivicoltura moderna dove si punta a produrre quantità e qualità elevate”.

Tags: , , ,

Potrebbe piacerti anche

Olio di oliva, le quotazioni settimanali: 22 luglio 2022
“Carrello degli Oli”, uno stimolo al mondo della ristorazione

Author

Potresti leggere