Scarsa allegagione per il caldo, prime conferme dalla Puglia

Carreras (Assoproli): "Scontiamo anche la mancata irrigazione"
Economia
Views: 2K

di

Le preoccupazioni espresse dal prof. Riccardo Gucci sugli effetti dell’ondata di calore che ha investito il nostro paese trovano piena conferma in Puglia, principale regione olivicola dove si fanno i conti con stime al ribasso.
Assoproli Bari, una delle maggiori OP olivicole della regione con circa 12 mila soci e 30 mila ettari di oliveti in larga parte nelle province di Bari e della Bat, ma con punte anche nel Foggiano, Tarantino e Brindisino, prevede una riduzione della produzione rispetto allo scorso anno per la forte colatura di fiori.
Giacomo Carreras, agronomo e responsabile tecnico (nella foto), analizza così la situazione: “La fioritura era stata copiosa, poi le alte temperature e la bassa umidità stanno creando condizioni estremamente difficili per una proficua allegagione. Paghiamo anche un errore che si ripete nel tempo, vale a dire quello di non irrigare pure in quei terreni dove sono presenti impianti. Si tende sempre ad aspettare la formazione della drupa, quando invece è dall’apparato floreale che si sviluppa il tutto. Sostenere la migliore struttura floreale con un adeguato apporto d’acqua è fondamentale. Abbiamo installato diverse stazioni meteo in alcune imprese più virtuose e troviamo pieno riscontro degli effetti benefici che il supporto idrico, seppure ridotto, rispetto alle effettive richieste evapotraspirative, offre proprio nella fase della fioritura per innescare il miglior processo di allegagione e conseguente formazione delle drupe”.
Senza avventurarsi in previsioni che al momento sono difficili da compiere, la sensazione è che la prossima campagna olivicola in Puglia sarà inferiore rispetto a quella dello scorso anno, che era stata considerata comunque discreta, con una produzione che si ipotizza a macchia di leopardo tra i vari areali.

Tags: , , ,

Potrebbe piacerti anche

Sicilia in controtendenza, è una buona allegagione
Italia Olivicola in Giordania alla due giorni del COI

Author

Potresti leggere