Impianto a biogas di Terlizzi, altro round per gli olivicoltori

Piena soddisfazione per la pronuncia del Consiglio di Stato
Economia
Views: 812

“La recente decisione del Consiglio di Stato, che segue quella già espressa dal TAR (Tribunale Amministrativo Regionale di Puglia), di respingere la richiesta di sospensiva del Comune di Terlizzi, pur non esprimendosi nel merito, conferma che l’autorizzazione concessa dalla Regione Puglia a Sorgenia Biopower per la costruzione e l’esercizio dell’impianto di produzione di biogas viaggia sul binario giusto”.

È quanto afferma Giovanni Bucci, presidente dell’OP Oliveti Terra di Bari (nella foto) che, insieme alla declinazione Bari-Bat di Cia Puglia e alle cooperative locali del comparto, ha promosso sin dall’inizio la necessità di un impianto che rappresenta la soluzione ideale e sostenibile per lo smaltimento della sansa prodotta dai frantoi. “Contro il ricorso presentato dall’Amministrazione Comunale di Terlizzi a guida Pd, con il suo sindaco Michelangelo De Chirico e da alcune associazioni ambientaliste – continua Giovanni Bucci – ancora una volta il sistema cooperativo e tutto il mondo olivicolo hanno mostrato compattezza, depositando una memoria ‘ad adiuvandum’ per spiegare le ragioni degli olivicoltori nel sostenere l’iniziativa nel territorio del Comune di Terlizzi, poiché l’impianto, così come progettato, è a basso impatto e si integra perfettamente nel contesto territoriale e garantirà alle imprese nel lungo periodo il conferimento sicuro ed economico di un sottoprodotto agricolo trasformandolo in risorsa produttiva, ambientale ed energetica evitandone così lo sversamento nei campi”.

“La pervicacia con la quale l’Amministrazione Comunale di Terlizzi tenta di fermare il progetto è figlia di una volontà politica che sembra non guardare all’interesse generale ma segue il pensiero di pochi – dichiara Giuseppe De Noia presidente provinciale di Cia Bari-Bat (nella foto) – dimenticando che gli olivicoltori non solo rappresentano gran parte dell’economia cittadina, ma sono da sempre i primi difensori dell’ambiente, custodi del territorio e del nostro patrimonio rurale. Resta difficile comprendere il perché di un tale accanimento contro l’ubicazione scelta dai proponenti e condivisa con gli agricoltori, quando la normativa prevede questo genere di impianti proprio nelle aree agricole perché funzionali all’attività e in linea con i principi dell’economia circolare e della filiera corta e tra le altre cose, tale progettualità è stata approvata già dalla Città Metropolitana di Bari e dalla Regione Puglia”.

“Va ricordato – continua Giuseppe De Noia – che il progetto dell’impianto, innovativo e di ultima generazione, ottimizzato nelle sue dimensioni per adattarlo al contesto, non emette odori e rumori e consente di valorizzare gli scarti agricoli producendo principalmente biometano per autotrazione, fertilizzante naturale restituito agli olivicoltori per arricchire i suoli di sostanza organica, e nello stesso tempo produce anche CO2, che verrà catturata e riutilizzata nel settore florovivaistico e quindi nelle serre, per poter accelerare i processi di fotosintesi clorofilliana per aumentare la capacità produttiva delle piante e nello stesso tempo la qualità delle stesse, attualmente tanto richiesta sui mercati nazionali e internazionali”.

“Ancora una volta, confidando nella giustizia (il TAR prima e il Consiglio di Stato successivamente), abbiamo avuto ragione” dichiara lapidario di Gennaro Sicolo, presidente regionale di Cia Puglia e presidente nazionale di Italia Olivicola, (nella foto) la più rappresentativa Unione Nazionale di Olivicoltori Italiani. “Non è ammissibile questo ostracismo da parte dell’Amministrazione Comunale di Terlizzi, nei confronti dell’impianto biogas proposto da Sorgenia Biopower, in quanto l’impianto porterà ricchezza sui nostri territori e soprattutto valore aggiunto alle produzioni olivicole, in quanto si trasformeranno degli scarti di produzione in risorsa per l’intera economia del territorio e non solo esclusivo valore aggiunto alle aziende olivicole, tenendo conto, tra le altre cose, che il dispositivo di approvazione del progetto da parte della Regione Puglia, prevede anche una serie di compensazioni territoriali, che l’Amministrazione Comunale di Terlizzi continua a sottacere all’intera cittadinanza”.

 

Tags: Biogas, Cia Puglia, Gennaro Sicolo, in evidenza, Italia Olivicola, Terlizzi

Potrebbe piacerti anche

Previsioni drammatiche a Jaén: un miliardo di euro in meno
Più è basso il livello di zucchero maggiore è la resa in olio

Author

Potresti leggere