Università di Jaén e Pieralisi, un patto per l’innovazione

Una Cattedra di Studi Economici e Storici della Compagnia Olearia
Enti e Associazioni
Views: 924

L’ Università di Jaén ha presentato la nuova Cattedra Pieralisi-UJA di Studi Economici e Storici della Compagnia Olearia, “con la quale apriamo uno spazio di ricerca, riflessione e dibattito sull’agricoltura e l’industria agroalimentare, fondamentalmente legate all’oliveto e all’olio d’oliva” ha spiegato il rettore dell’ateneo, Nicolás Ruiz.  Questa cattedra, che nasce nel cuore olivicolo-oleario dell’Andalusia, è stata creata con lo scopo di promuovere un ecosistema pubblico-privato di innovazione e trasferimento, basato su nuovi sviluppi per un’olivicoltura sostenibile, più innovativa e rispettosa dell’ambiente, che migliora la  redditività economica attraverso nuove tecnologie e prodotti e la digitalizzazione delle aziende agricole.

“Ha un approccio molto pratico per rispondere alle reali esigenze digitali del settore – ha aggiunto – ed è sostenuta dal prestigio dei professionisti dell’Università di Jaén che sono in prima linea. Per questo siamo sicuri che sarà un riferimento e un esempio da seguire anche per gli altri atenei, perché il miglior contributo che può dare l’UJA, in questo caso in compagnia di Pieralisi, è quello di analizzare il settore con rigore scientifico e proporre strategie realizzabili che rappresentino una vera spinta innovativa “.

Un momento chiave per il settore agricolo

Il rettore dell’UJA ha inquadrato la creazione di questa nuova cattedra nel momento “chiave” in cui si trova il settore olivicolo, chiamato ad affrontare sfide “che costringono tutti noi a fornire soluzioni e che mi portano a pensare che” esiste una l’urgente necessità di accelerarne la trasformazione per affrontare le enormi sfide attuali”. In questo senso, Nicolás Ruiz ha definito “essenziale” il legame azienda-università quando si tratta di mettere nuovi strumenti e tecnologie al servizio dell’operatore professionale e dell’agrobusiness, “perché possano affrontare questo nuovo scenario basato sulla digitalizzazione. e sostenibilità.”

Allo stesso modo, nella sua presentazione, Nicolás Ruiz ha indicato che la creazione di questa nuova sedia rappresenta un altro esempio che dimostra l’impegno dell’UJA nei confronti del territorio in generale, e del settore olivicolo, in particolare: “È un buon modo per esercitare la leadership sociale, che siamo lieti di assumere, apportando conoscenza, ricerca e innovazione al nostro territorio. E per questo motivo abbiamo sostenuto questa iniziativa fin dal primo minuto e per questo mi congratulo espressamente anche con i suoi promotori”.

“Siamo molto orgogliosi – ha concluso il rettore – di aver lanciato uno strumento che migliorerà le relazioni della nostra istituzione con l’ambiente socioeconomico più vicino, avvicinando al tempo stesso la conoscenza generata nelle nostre aule, nei nostri laboratori, alle esigenze dell’economia reale dei nostri paesi e delle nostre città. Accademici e ricercatori vogliono essere vicini ai professionisti dell’agroalimentare della provincia, per chiedere loro di cosa hanno bisogno e portare loro conoscenza e innovazione. Inoltre, intendiamo identificare e rispondere ai punti deboli che il settore può avere, come la commercializzazione in mercati ad alto valore aggiunto, le carenze nella digitalizzazione agricola o la sfida della siccità”..

Alla presentazione della presidenza ha partecipato anche il presidente del Consiglio provinciale di Jaén, Francisco Reyes; il direttore esecutivo del Consiglio oleicolo internazionale (CIO), Jaime Lillo; il direttore di Pieralisi per Spagna e Portogallo, Rodrigo Jaén; e il direttore della Cattedra, il professore dell’UJA Juan Antonio Parrilla.

Sfoglia gratuitamente OlivoNews cliccando qui.

Tags: Cattedra Pieralisi, in evidenza, Jaén

Potrebbe piacerti anche

Olio, su prezzi e salute Unapol al Ministro: “Bene, ora una campagna informativa”
Mastro d’Oro, il prezioso ruolo del frantoio artigianale

Author

Potresti leggere