Riviera in Fiera, con Unapol olivicoltura e olio protagonisti

A Cervia di scena una importante vetrina per il Made in Italy
Unapol
Views: 418

Riviera in Fiera raccoglie a Cervia fino a domani (mercoledì 14) le migliori eccellenze della Riviera Romagnola in un hub dedicato a operatori di ospitalità e ristorazione. Unapol – Unione Nazionale Associazioni Produttori Olivicoli è presente ai Magazzini del Sale per raccontare il lavoro delle Aziende, delle OP associate e gli agricoltori del mondo olivicolo italiano.

Casa Unapol sarà luogo di incontro per grossisti, fornitori e produttori interessati ad approfondire vari aspetti che riguardano l’olivicoltura e tra i quali, vi è un tema caldo cui si discute da giorni: la rivolta degli agricoltori che ha coinvolto l’intera Europa. “Noi di Unapol lo ribadiamo da sempre – commenta il presidente Tommaso Loiodice (nella foto) – gli agricoltori sono i custodi della nostra meravigliosa biodiversità, il loro ruolo è fondamentale in più di un settore, primo fra tutti quello della ristorazione di qualità. Negli ultimi anni, la produzione agricola non riesce a coprire nemmeno gli stessi costi. Il prodotto arriva sulle nostre tavole con prezzi modici, ma non remunera equamente chi lo produce. Un’ingiustizia che potrebbe avere conseguenze e ricadute anche sulla produzione, e di conseguenza, sull’approvvigionamento di materie prime di qualità. Ecco perché un nuovo piano agricolo è una necessità sulla quale non si può più tergiversare”.

Riviera in Fiera è una vetrina del Made in Italy, dove espositori del Bel Paese presentano i loro prodotti che contribuiscono a rendere inimitabile la ristorazione e l’ospitalità italiana. E l’orgoglio italiano, come spiega Loiodice, è rappresentato anche dai prodotti che la nostra agricoltura offre: “Tra i motivi della protesta c’è una forte preoccupazione per l’apertura del mercato interno ai prodotti ucraini per le possibili importazioni a basso costo. Ciò porterà ad un’inevitabile esotizzazione delle materie prime, generando un’inflazione che andrà a colpire i prodotti nostrani. Il tutto si tradurrà in un duro colpo al nostro Made in Italy”.

L’auspicio di Loiodice è che “le istituzioni nazionali e sovranazionali ascoltino la voce dei nostri agricoltori e che rispondano con soluzioni soddisfacenti perché, come ben rappresentato anche in questa manifestazione, è anche grazie ai loro sacrifici se possiamo fregiarci di un primato: una ristorazione invidiataci da tutto il mondo”.

Sfoglia gratuitamente l’Olivo News cliccando qui

Tags: Loiodice, Unapol

Potrebbe piacerti anche

Gli effetti benefici dell’olio di oliva sulle malattie infiammatorie intestinali
Meno olio d’oliva in giacenza, ma più extravergine italiano

Author

Potresti leggere