Traffico di olio adulterato, sequestri per 1,5 milioni

Imprenditore di Cerignola nel mirino della Dia
Economia
Views: 581

Beni per oltre 1,5 milioni di euro sono stati sequestrati ad un imprenditore di Cerignola (Foggia) che opera nel settore del commercio dell’olio di oliva. Il provvedimento è stato eseguito dagli uomini della Dia – Direzione investigativa antimafia di Foggia.

L’imprenditore – che in passato era stato sottoposto a diverse misure di prevenzione personali e sulla base delle condanne subite a partire dalla fine degli anni ’80 – secondo chi indaga “può essere annoverato tra i principali trafficanti di olio di oliva adulterato sia livello nazionale sia con solide proiezioni nei mercati esteri”.

Attraverso le indagini gli inquirenti hanno accertato una sproporzione tra il reddito dichiarato dall’imprenditore e quanto realmente posseduto dallo stesso. Motivo per cui gli inquirenti hanno sequestrato una società operante nel settore dell’imbottigliamento dell’olio di oliva e di semi ed il suo complesso immobiliare composto dall’opificio e dal terreno, 3 autoveicoli, 3 appartamenti e diversi rapporti finanziari.

Tags:

Potrebbe piacerti anche

Xylella, anche indennizzi nel nuovo piano di contrasto
Andalusia, piena occupazione con migliore gestione idrica

Author

Potresti leggere