Turchia, la coltivazione dell’olivo patrimonio Unesco

La certificazione premia una tradizione tramandata nel tempo
Enti e Associazioni
Views: 201

La tradizionale coltivazione delle olive in Turchia è entrata a fare parte della lista dei patrimoni immateriali dell’Unesco. Lo ha annunciato il ministro del Turismo e della Cultura di Ankara, Mehmet Nuri Ersoy. Conoscenze, abilità, metodi che vanno dalla potatura degli alberi a quelli di raccolta delle olive e alla loro spremitura, tramandati di generazione in generazione, potranno così godere di una ulteriore tutela, universalmente riconosciuta.

Durante la riunione all’Unesco, tenutasi a a Kasane, in Botswana, la Turchia ha presentato altre quattro richieste per l’inclusione nella lista di elementi culturali come patrimoni immateriali dell’Unesco:  “Food/Balaban Craftsmanship and Execution,”, “Socio-Cultural Traditions Related to Iftar and Iftar”, “Art of Attraction” e “Art of Charity. Per la tradizionale coltivazione delle olive l’inserimento è stato immediato, per le altre quattro proposte si è ottimisti circa un loro recepimento. Se anche queste venissero incluse, ha aggiunto il ministro, Ankara si classificherebbe al secondo posto nella lista, con un totale di 30 elementi.

Sfoglia gratuitamente l’Olivo News cliccando qui

Tags: Turchia, Unesco

Potrebbe piacerti anche

Dagli Usa controlli più serrati sulla qualità degli oli di oliva
Inerbimento nell’oliveto: meglio temporaneo e permanente?

Author

Potresti leggere