Toscano IGP festeggia 25 anni con il panettone all’olio di oliva

Il Consorzio conta oltre 8 mila imprese olivicole associate
Enti e Associazioni
Views: 340

Il panettone all’olio per festeggiare i 25 anni dal riconoscimento dell’Indicazione Geografica Protetta Toscano. Prodotto artigianalmente sostituendo il burro con le qualità organolettiche e salutari dell’extravergine toscano, il dolce natalizio degli chef dell’olio Tommaso Vatti e Andrea Perini realizzato in una edizione speciale per il Consorzio di Tutela, coniuga la versatilità di un ingrediente unico, adatto per qualsiasi ricetta, che fa bene alla nostra salute e che è simbolo indiscusso della Dieta Mediterranea ed ora, con questa nuova declinazione gourmet, anche del Natale.

Il panettone all’olio Toscano IGP è stato presentato in Palazzo Strozzi Sacrati, alla presenza della vicepresidente ed assessora all’Agroalimentare, Stefania Saccardi e dei Vicepresidenti del Consorzio di Tutela, Giampiero Cresti e Paolo Di Gaetano.

“È un traguardo importantissimo quello dei 25 dell’Olio toscano IGP- ha commentato Stefania Saccardi– aver ottenuto l’Indicazione Geografica Protetta ha rappresentato infatti per l’ olio toscano un enorme passo in avanti del quale si vedono gli effetti nel tempo: garanzia della tracciabilità, della trasparenza e della sicurezza del prodotto che viene consumato. Chi compra olio con quella fascetta sa che ha passato un disciplinare rigoroso e perciò si sente garantito. L’ olio toscano IGP viene prodotto per il 40 per cento da imprenditrici donne e per il 60 per cento da cooperative, anche questi sono dati significativi, per sostenere e valorizzare l’imprenditoria femminile e i piccoli produttori. Ringrazio il Consorzio per il lavoro prezioso che svolge a presidio della qualità e gli chef di grande livello che hanno deciso di realizzare il panettone celebrativo”.

Secondo Giampiero Cresti e Paolo Di Gaetano “il riconoscimento dell’Indicazione Geografica protetta per l’extravergine toscano è stato una rivoluzione positiva per tutto il sistema agroalimentare di qualità Made in Tuscany. Ha alzato il livello di tutela e fortemente ridimensionato il vergognoso fenomeno della moltiplicazione dell’olio dando ai consumatori gli strumenti per distinguere finalmente un olio certificato, al 100% toscano, da uno di provenienza dubbia ed oggetto di inganni e frodi. Contemporaneamente la Denominazione ha permesso di abbracciare temi fondamentali come la sostenibilità ambientale grazie all’ampia biodiversità delle varietà autoctone previste nel disciplinare, economica e sociale legate ad una diffusa partecipazione delle aziende al Consorzio che si attesta oltre 8 mila imprese olivicole e con una forte propensione al sistema cooperativo che assorbe il 60% della produzione certificata. Oggi il Toscano IGP è l’olio a denominazione italiano più esportato al mondo e sicuramente anche il più famoso”.

Il Consorzio dell’olio Toscano IGP è stato fondamentale per far crescere e maturare una cultura nazionale della tutela e della trasparenza tra gli olivicoltori e tra i consumatori. Prima del suo riconoscimento in Toscana si imbottigliava tre volte tanto l’olio che potenzialmente le piante censite avrebbero potuto produrre. Un mare di olio che entrava indistinto nella nostra regione per uscire poi marchiato come toscano causando un danno enorme al comparto ed in particolare agli olivicoltori che oggi, attraverso la certificazione, la tracciabilità, la sostenibilità e la distintività, sono in grado di competere su tutti i mercati. “E’ un fenomeno che le indicazioni di origine hanno fortemente ridimensionato e che oggi i consorzi di tutela possono contrastare con molta più efficacia rispetto al passato. – spiega il Presidente del Consorzio di Tutela, Fabrizio Filippi – In questo senso la nuova riforma sulle IG alza ulteriormente i livelli di protezione nei confronti non solo del libero mercato ma anche del commercio online che è la nuova frontiera delle truffe per le produzioni ad indicazione geografica”.

Sfoglia gratuitamente l’Olivo News cliccando qui

Tags: Olio Toscano IGP, panettone

Potrebbe piacerti anche

Agea e Guardia di Finanza unite contro le frodi in agricoltura
Impianti superintensivi protetti da agrivoltaico: ecco la Francia

Author

Potresti leggere