Xylella, Sicolo mette in guardia: “Un problema europeo”

Il presidente di Italia Olivicola e membro del COI chiede un progetto ad ampio raggio
Italia Olivicola Informa
Views: 343

“La Xylella è un problema europeo e non solo pugliese”. Lo ha detto Gennaro Sicolo, presidente di Italia Olivicola, vicepresidente COI, vicepresidente nazionale Cia e presidente Cia Puglia, a margine degli Stati generali dell’olivicoltura nazionale e internazionale, in occasione del 62° comitato consultivo del Consiglio Oleicolo Internazionale (COI).

Per Sicolo “occorre aumentare la produzione italiana di olio extravergine d’oliva grazie alle varietà italiane, senza inseguire modelli super-intensivi e varietà spagnole che non ci appartengono. Ma la situazione olivicola italiana è in sofferenza, a causa della Xylella -ha rimarcato il presidente-. Stiamo lavorando bene con il ministero dell’agricoltura e col sottosegretario La Pietra. L’olivicoltura ha un futuro di mercato nel mondo, perché l’olio extravergine è salutare ed riconosciuto dalla dieta mediterranea e altre diete. Dobbiamo impegnarci a produrre, però con le nostre varietà: abbiamo oltre 500 varietà, non dobbiamo produrre con varietà spagnole come l’arbequina e l’arbosana, lo dobbiamo fare con le strutture e varietà nostre per rimanere sempre con la qualità che abbiamo. Non fare i super-intensivi, dobbiamo rispettare l’ambiente, magari gli intensivi con le varietà nostre, perché va tutelato il futuro dei terreni e della nostra qualità riconosciuta in tutto il mondo dell’olio italiano”.

“Al COI -ha continuato Sicolo- ho già portato la questione della Xylella, per fare un progetto a livello internazionale, fare una sintesi con gli esperti di tutti i paesi, per affrontare questo problema che sta mettendo in difficoltà l’olivicoltura italiana ed europea perché anche in altri paesi si sta manifestando la malattia e quindi dobbiamo fare un ragionamento di sistema, non può rimanere solo la Puglia alla ricerca di questo batterio terribile che ha seccato 24 milioni di piante e continua a proliferare. Il lavoro che si deve fare e che porto al COI è di fare un progetto a livello europeo. Oggi siamo chiamati ad affrontare sfide importanti e dobbiamo discutere di questioni che saranno al centro delle sfide dei prossimi anni”, ha concluso.

 

Tags: COI, in evidenza, Sicolo, Xylella

Potrebbe piacerti anche

Olio di oliva, le quotazioni settimanali: 31 maggio 2024
Previsioni campagna olearia: significativa crescita ovunque

Author

Potresti leggere