Valorizzazione dei sottoprodotti, al via progetto in Calabria

Camera di commercio di Cosenza insieme a quattro partner
Tecnica e Ricerca
Views: 586

Si chiama “Potenziamento della filiera dell’olio di oliva extravergine di qualità in Calabria e valorizzazione ambientale ed energetica dei residui e dei sottoprodotti” ed è il progetto della Camera di commercio di Cosenza con cui intende intensificare le attività di sostegno al settore olivicolo.
Il progetto ha come partner l’Op Asprol e l’Università di Reggio Calabria e, con compiti di ricerca e formazione, l’Azienda Speciale Promocosenza, che si avvarrà della collaborazione di Dintec, società in house del sistema camerale, con consolidata esperienza nel settore.
L’obiettivo è quello di individuare un programma di ricerca e sperimentazione per definire i criteri di una gestione sostenibile per l’ambiente che rappresenti un processo economicamente valido per le aziende e garantisca una produzione di qualità al consumatore. In particolar modo, il progetto si propone di ottimizzare le operazioni colturali e di trasformazione attraverso il reimpiego dei residui e dei sottoprodotti con la loro valorizzazione all’interno di un’economia circolare applicata alla filiera dell’olio.
La divisione laboratorio di Promocosenza, per le prove relative all’olio, svolgerà la parte delle analisi sulla qualità del prodotto pre e post utilizzo del compost e parteciperà ai seminari divulgativi.
Con il coinvolgimento di Dintec si va nella direzione del miglioramento dei processi. La società ha una consolidata esperienza nella qualificazione delle produzioni agroalimentari e possiede numerose e diversificate capacità: tecnologiche; normative; di analisi di mercato; di analisi territoriale; di analisi delle dinamiche aziendali anche delle microimprese. Il suo supporto a Promocosenza sarà prezioso anche nella parte relativa alla definizione di un disciplinare di filiera che regolerà, tra l’altro, la produzione e l’utilizzo del compost e nell’attività di comunicazione e diffusione dei risultati che seguirà alla realizzazione del progetto.

Tags: Calabria, Cosenza, sottoprodotti

Potrebbe piacerti anche

I benefici nell’oliveto con l’agricoltura di precisione
Assitol a TuttoFood racconta il “nuovo” olio di oliva

Author

Potresti leggere