Fine settimana alla scoperta dell’olivicoltura eroica ligure

Ben 28 aziende protagoniste ad "Oliveti Aperti"
Enti e Associazioni
Views: 140

Si terrà nel fine settimana del 18-19 giugno, la seconda edizione di “Oliveti Aperti”, l’evento realizzato dal Consorzio di tutela dell’Olio DOP Riviera Ligure, in collaborazione con la Fondazione Qualivita per coinvolgere cittadini e turisti nelle tradizioni dell’olivicoltura eroica ligure, alla scoperta dei segreti di uno dei prodotti d’eccellenza del territorio e la visita a luoghi e simboli storici come i ‘muretti a secco’, Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco nel 2018.
È con questi obiettivi che le 28 aziende socie del Consorzio di Tutela, dislocate lungo tutta la Liguria, da Ponente e Levante, offriranno ai turisti numerosi tipi di esperienza all’insegna dell’olio DOP e del suo territorio. Tra le diverse tipologie di esperienze, percorsi di trekking e bike, visita oliveti e frantoi, degustazioni olio DOP e prodotti tipici, itinerari di arte e cultura, laboratori didattici ed eventi culturali ed enogastronomici.
Molte le novità dalle aziende di questa edizioni. Grazie al Consorzio di tutela e all’Associazione Italiana Guide Ambientali Escursionistiche saranno inoltre inaugurati 13 inediti “Cammini dell’olio Riviera Ligure DOP” da percorrere a piedi tra gli storici paesaggi olivetati della regione accompagnati da guide esperte, prima di degustare i prodotti tradizionali proposti dalle aziende.
Durante l’iniziativa spazio anche all’approfondimento sui temi socio-economici con il contributo di Roberta Garibaldi, esperta di turismo e nuova amministratrice delegata di Enit – Agenzia nazionale del turismo. In programma infatti anche due eventi istituzionali organizzati dal Consorzio di Tutela per approfondire il tema del turismo dell’olio: un convegno sulla nuova legge sull’Oleoturismo, che si terrà a Genova il 17 giugno, e una tavola rotonda sul tema Turismo DOP insieme ad altre realtà DOP IGP italiane consolidate – Aceto Balsamico di Modena IGP (Acetaie Aperte), Asiago DOP (Made in Malga), Parmigiano Reggiano DOP (Caseifici Aperti) – per raccontare come le aziende possono valorizzare l’esperienza turistica della filiera certificata.

Tags:

Potrebbe piacerti anche

Olio di oliva, le quotazioni settimanali: 27 maggio 2022
Eataly rilancia l’extravergine di qualità “made in Italy”

Author

Potresti leggere