L’importanza dell’etichetta in una bottiglia di olio d’oliva

La nuova soluzione Quinti per il miglior packaging
Le Aziende informano
Views: 76

L’etichetta è sicuramente il miglior biglietto da visita di ogni bottiglia, e quella di un olio di oliva non fa eccezione: la prima impressione che riceviamo quando ce ne troviamo davanti una, è sicuramente data dallo stile di questa.
Avvolgenti, quadrate, rettangolari, a cavaliere: molti sono i tipi che possono essere applicati, in base alla bottiglia scelta. Colorate, serigrafate, dipinte, giocose, rigorose, istituzionali, tanti sono gli stili a cui si ispirano. A volte apposte con una cura ed una precisione tale che viene da pensare che qualcuno si sia messo li ad applicarla con squadra, righello, compasso e chi più ne ha più ne metta; altre volte invece posta lì come dire con la precisione che ti aspetteresti da chi lo fa ad occhi chiusi, senza sapere se la bottiglia è tonda o quadra, alta o bassa.
In Quinti c’ consapevolezza che la finitura del packaging sia importante tanto quanto la qualità del riempimento, perché se ti vuoi collocare su una fetta di mercato di fascia alta devi curare ogni aspetto. Fare un ottimo prodotto e non presentarlo bene è come lasciare un dipinto incompleto, o un libro a metà.
Per questo ha studiato una soluzione che permetterà di ottenere ottimi risultati: l‘etichettatrice Quinti, installata a bordo macchina, infatti, può essere equipaggiata per un risultato ancora migliore con un orientatore bottiglia, un’attrezzatura che appunto orienta la bottiglia in modo da evitare che venga applicata sulla giuntura. Si possono applicare etichette autoadesive fronte/retro da singola bobina o da due bobine separate, avvolgenti, autoadesive da apporre sul collo della bottiglia (collarino girocollo), autoadesive da apporre a cavaliere (collarino cavaliere), a seconda della forma della bottiglia scelta. Inoltre, grazie alla scelta di alloggiare la bottiglia sul piattello, questa pur spostandosi sul nastro trasportatore, rimane sempre nella stessa posizione a vantaggio della ripetibilità di posizionamento etichetta.

Per saperne di più

 

Tags:

Potrebbe piacerti anche

Unaprol: “Bene non disperdere il lavoro di aggregazione”
La pizza? Serve per vendere e valorizzare l’extravergine

Author

Potresti leggere