Olio d’oliva, la collezione CREA nella Banca internazionale COI

La più grande raccolta nazionale di germoplasma olivicolo
Tecnica e Ricerca
Views: 553

“Sono lieto di comunicare che oggi l’Italia ha ottenuto un grande e meritato successo attraverso l’avvenuto riconoscimento, da parte del COI, Consiglio Oleicolo Internazionale, della collezione del CREA , quale Collezione internazionale di germoplasma olivicolo del network COI. Ringrazio il CREA e il MASAF che da anni sostengono il lavoro certosino, paziente ed altamente specialistico del Centro di ricerca” ha dichiarato Enzo Perri (nella foto), Direttore del CREA Olivicoltura Frutticoltura e Olivicoltura, in occasione della ufficializzazione del riconoscimento della collezione del germoplasma olivicolo del CREA, quale “Collezione internazionale del network del Consiglio Oleicolo Internazionale – COI”, durante la 118 sessione dei Membri del Consiglio oleicolo internazionale (Plenary session of 118th session of the Council of Members), svoltasi nella giornata odierna.

La collezione del CREA, unica in Italia a fregiarsi di tale riconoscimento, è la più grande collezione nazionale di germoplasma olivicolo, seconda, dopo la Spagna, per numero di varietà di olivo al mondo. Si tratta di un patrimonio di agrobiodiversità, esteso su due aree (Mirto Crosia e Rende) entrambe in Calabria, e composto da 600 varietà, di cui 200 autenticate e comuni alla collezione spagnola.

Insieme a quelle del Marocco, della Francia, della Turchia, dell’Argentina e d’Israele, la collezione CREA è in prima linea nello studio del germoplasma e nella ricerca di genotipi tolleranti o resistenti, in risposta a nemici esterni, come Xylella fastidiosa e Verticillium Dhaliae e i cambiamenti climatici, quali incremento delle temperature medie invernali, siccità e eventi meteorici non previsti (grandine, nebbia e gelate fuori stagione) che stanno pregiudicando la produzione olivicola mondiale.

Il network di Collezioni COI internazionali consentirà, nei prossimi anni, di comprendere maggiormente l’agrobiodiversità dell’olivo, il fabbisogno di freddo invernale della pianta e di selezionare quelle varietà in grado di tollerare la riduzione del freddo invernale – che sta già condizionando negativamente la fioritura – e di assicurare, quindi, la produzione di olive, nonostante l’incremento delle temperature in atto.

Potrebbe piacerti anche

Olio di oliva, le quotazioni settimanali: 24 novembre 2023
I difetti dell’olio che si creano durante la raccolta delle olive

Author

Potresti leggere