I 30 anni dell’Ercole Olivario, giuria al lavoro

Il 26 Marzo a Perugia la premiazione dei vincitori
Economia
Views: 195

L’Ercole Olivario festeggia i suoi 30 anni. Il prestigioso concorso nazionale riservato ai produttori di olio di altissima qualità italiano, nato nel 1993, vedrà la proclamazione e premiazione dei vincitori, sabato 26 marzo 2022 a Perugia. I numeri e le novità del premio – indetto dall’Unione Italiana delle Camere di Commercio, sono stati illustrati oggi a Roma, durante una conferenza stampa. “Investire sulle aree a vocazione agroalimentare, scommettendo sulla qualità e il richiamo dei territori e dei suoi prodotti, come l’olio, è la direzione verso cui puntare per offrire alle piccole imprese un percorso di crescita e valorizzare i territori” ha evidenziato il presidente di Unioncamere, Andrea Prete. “La filiera dell’olio conta oltre 400 mila aziende agricole specializzate, ma anche il maggior numero di oli extravergine a denominazione in Europa, con un patrimonio di 250 milioni di piante e 533 varietà di olive. Le Camere di commercio sono pronte a fare la loro parte, perché sappiamo che occorre partire dai territori, puntando anche sul turismo esperienziale, fatto di ricchezze enogastronomiche, di cui l’olio rappresenta certamente un prodotto di punta, per conquistare l’interesse dei viaggiatori italiani ed esteri”.
Roberto Luongo, Direttore generale Agenzia ICE, ha ricordato che l’export oleicolo nazionale nel 2021 ha raggiunto il valore record di un miliardo e mezzo di euro.
Tra le novità del premio, quest’anno vi è un’importante iniziativa che punta all’innovazione l’attestato digitale in versione NFT Non-Fungible Token (certificato non riproducibile), che verrà consegnato alle aziende vincitrici di questa edizione.
La Giuria nazionale del Premio Ercole Olivario, è composta da 16 degustatori professionisti provenienti da tutte le regioni italiane partecipanti al concorso: dall’Abruzzo Maria Grazia d’Angelo, dalla Calabria Cristiana Rombolà, dalla Campania Giovanni Parlato, dall’Emilia Romagna Giovanni Goisis, dal Lazio Erika Pozzetto, dalla Liguria Igino Gelone, dalla Lombardia Tosadori Enrico, dalle Marche Silvano Zannotti, dal Molise Tommasino Baroncini, dalla Puglia Luana Leo Imperiale, dalla Sardegna Annalisa Motzo, dalla Sicilia Giuseppe Iannizzotto, dalla Toscana Alessandro Parenti, dal Trentino Alto Adige Andrea Segantini, dall’Umbria Angela Canale e dal Veneto Roberta Ruggeri. La giuria capitanata dal capo panel Alfredo Marasciulo, si è riunita oggi, martedì 15 marzo, per gli assaggi degli oli finalisti, che termineranno venerdì 18 marzo.

Potrebbe piacerti anche

Oltre 10 mila visitatori all’EnoliExpo di Bari
Da oggi le domande per oliveti nuovi o da ammodernare

Author

Potresti leggere