I più efficaci biostimolanti per la migliore qualità di olive e olio

Primi significativi risultati di una interessante ricerca
Tecnica e Ricerca
Views: 2K

Negli ultimi anni l’utilizzo di biostimolanti è diventato sempre più diffuso grazie alla loro comprovata efficienza nel migliorare la produttività delle piante e nel mitigare gli effetti legati agli stress ambientali. Lo scopo del presente studio è stato di valutare l’effetto di tre biostimolanti per migliorare alcuni parametri agronomici di piante di olivo in produzione. Sui parametri quali-quantitativi delle drupe e dell’olio è stato analizzato anche il loro profilo nutraceutico, mediante l’utilizzo della spettrometria di massa (Q-Exactive Orbitrap). I biostimolanti utilizzati sono stati:
– un prodotto a base di aminoacidi, vitamine, enzimi, fitochelatine, macro e microelementi ed estratti vegetali (A);
– un prodotto a base di glicinbetaina (B)
– un prodotto a base di trichoderma spp. (TR).
I tre biostimolanti sono stati confrontati con una tesi controllo (C) trattata con solo acqua.
Nel corso della stagione vegetativa sono stati effettuati 5 trattamenti, da maggio a settembre, ogni venti giorni. I parametri analizzati sono stati: cascola dei frutti, accrescimento dei germogli e delle drupe, produzione per pianta e resa in olio delle drupe. Alla raccolta sono state effettuate analisi sulla componente nutraceutica delle drupe e dell’olio (contenuto in olio delle drupe, polifenoli totali, antocianine, % di acidi grassi, panel test).
Sulla base dei risultati ottenuti i biostimolanti hanno ridotto la cascola dei frutti e favorito un maggiore accrescimento delle drupe, in particolare con applicazione dei prodotti A e TR. Quest’ultimo ha contribuito anche ad incrementare il contenuto in olio delle drupe (+7.6%). Risultati interessanti sono stati ottenuti anche per il contenuto in polifenoli delle drupe e dell’olio, in entrambi i casi l’incremento con il prodotto a base di trichoderma (TR) è stato pari al 23 e 32.2%. Tale effetto è stato confermato anche dall’attività antiossidante delle drupe e dell’olio (+ 22.9 %). Dai risultati ottenuti in questo primo anno di prova è possibile affermare l’efficienza di alcuni biostimolanti, in particolare del trichoderma, nel migliorare gli aspetti qualitativi sia delle drupe che dell’olio. È in corso un secondo anno di prova per validare i risultati ottenuti.

BIBLIOGRAFIA: Graziani, G., Cirillo, A., Giannini, P., Conti, S., El-Nakhel, C., Rouphael, Y., … & Di Vaio, C. (2022).
Biostimulants Improve Plant Growth and Bioactive Compounds of Young Olive Trees under Abiotic Stress
Conditions. Agriculture, 12(2), 227.
Bulgari, R., Franzoni, G., & Ferrante, A. (2019). Biostimulants application in horticultural crops under
abiotic stress conditions. Agronomy, 9(6), 306. V Convegno Nazionale dell’Olivo e dell’Olio.

Tags: , ,

Potrebbe piacerti anche

Sol d’Oro e Aipo d’Argento, matrimonio in nome dell’olio
La cosmetica in frantoio, nel segno di tradizione e territorio

Author

Potresti leggere