My Blend SX, ecco le gramole Pieralisi di ultima generazione

Apertura totale e cip di lavaggio unico per una completa pulizia
Tecnica e Ricerca
Views: 967

di

L’innovazione tecnologica è di casa alla Pieralisi che sta registrando grandi consensi anche con le nuove gramole My Blend SX. Parliamo di macchine di ultima generazione che stanno dando piena soddisfazione ai clienti e che rappresentano quanto di più innovativo oggi il mercato è in grado di offrire in questo importante processo di coalescenza per l’estrazione di olio di oliva.
Quali sono i punti di forza, le novità, le peculiarità, lo chiediamo a Beniamino Tripodi (nella foto), una delle anime commerciali dell’azienda italiana, leader nella produzione di macchine olearie nel mondo.
Dott. Tripodi, qual è la caratteristica che più sorprende per innovazione nelle gramole My Blend SX?
“Certamente il cip di lavaggio, unico nel panorama della gramolazione. Il sistema di ugelli ad alta pressione garantisce un’efficace e completa pulizia di tutte le superfici interne. Aggiungo: il riempimento della gramola posto sulla parete superiore assicura una apertura non solo più agevole, ma addirittura totale, consentendo effettivamente la migliore ispezionabilità e pulizia a fine giornata o a fine settimana”.
Esternamente si distingue per un elevato ecodesign, ma anche per soluzioni di immediata efficienza. Quali le principali?
“Il pannello touch screen su ogni vasca consente un rapido ed intuitivo controllo di tutte le attività di gramolazione, permettendo di azionare i vari comandi ed anche variare i giri di rotazione se ci si avvale dell’inverter. A ciò si aggiunge un led frontale che indica le fasi di lavorazione anche a distanza. L’altezza ergonomica e l’alta visibilità interna offrono il massimo per il controllo sulla lavorazione. Ma, al di là di un design estremamente innovativo e bello a vedersi, la vera forza è nel sistema interno”.
Che ci può dire al riguardo?
“Le My Blend SX sono l’ideale per la lavorazione a lotti, ma anche in continuo, grazie ad un software che consente di riempire e svuotare costantemente le gramole. Ogni gramola ha poi un sensore per assicurare la migliore temperatura della pasta, con un sistema di regolazione dell’acqua di termostatizzazione indipendente, capace di offrire maggiore efficienza energetica e riduzione degli sprechi”.
Il colore personalizzabile – tra rosso vintage, bianco hi tech, bambù naturale – ed il logo serigrafato lateralmente, aggiungiamo noi, danno quel tocco in più di classe ed eleganza che non guastano mai, specialmente a chi, per amore e passione, ha sempre come obiettivo la massima qualità dell’olio di oliva e di tutto quello che ad esso ruota attorno.

Per saperne di più 

Tags: , ,

Potrebbe piacerti anche

Ristoranti ed olio extravergine di oliva, quale comunicazione?
Gli effetti della concimazione organica azotata localizzata

Potresti leggere