Un export di 42 milioni di euro per l’olio toscano certificato

L'IGP fa da traino sui mercati, specialmente quelli extra Ue
Senza categoria
Views: 334

Oltre 91 mila sono gli ettari ad olivo della Toscana che coinvolgono quasi 37 mila aziende. Di grande importanza il ruolo delle IG toscane che contano 4 DOP (Chianti Classico, Lucca, Seggiano, Terre di Siena) e soprattutto l’IGP (Toscano) e che, nel 2021, secondo Ismea/Qualivita, hanno realizzato un fatturato alla produzione di 29,3 milioni, in grado di generare un export pari a 42 milioni di euro, per il 75% realizzato fuori dall’Unione Europea. Sono i numeri dell’economia dell’olio extravergine d’oliva prodotto in Toscana, presentati da Tiziana Sarnari di Ismea  in occasione della Selezione Oli Extravergine 2023, il red carpet dell’oro verde che ogni anno premia le eccellenze toscane.
L’evento, ospitato dal Cinema La Compagnia a Firenze, è stato introdotto da una tavola rotonda dove Stefania Saccardi, vicepresidente della Regione Toscana e assessora all’Agroalimentare ha sottolineato: “Nel panorama nazionale delle Dop e delle Igp, la Toscana emerge per i quantitativi di oli certificati. La Regione ha inoltre emanato un bando sull’innovazione con oltre 10 milioni di euro che ha avuto un successo strepitoso, per l’ammodernamento dei frantoi è previsto un altro bando con una dotazione di 8 milioni di euro. Non ultimo, siamo concentrati sull’uso razionale e sostenibile dell’acqua, che vuol dire attenzione all’ambiente e al territorio, due obiettivi perfettamente interpretati dall’alto numero di oli biologici che produciamo. Concludo dicendo che siamo stati la prima Regione a fare la legge sull’oleotursimo: tutto questo per ribadire che la Toscana punta su questo prodotto straordinario e credo che l’olio toscano abbia davanti una prospettiva molto importante”.
Cinquantadue le etichette selezionate, di cui una proveniente dalla provincia di Pisa, due da quella di Arezzo, tre da Livorno, altrettante da Lucca, quattro da Pistoia, cinque da Grosseto e le altre distribuite tra Firenze e Siena.

Tags: Ismea, Toscana

Potrebbe piacerti anche

L’Aifo a congresso: “E’ giunto il momento di alzare la voce”
Abbiamo nelle nostre scorte più olio straniero che italiano

Author

Potresti leggere