Le linguine di Gragnano IGP ai profumi di Sicilia

Le ricette di Roberta
Views: 240

Torna, dopo la pausa natalizia, il consueto appuntamento domenicale con la rubrica “La Cucina di Roberta”  dedicata ai piatti regionali a cui abbinare un particolare olio extravergine di oliva.
Oggi la nostra Roberta Ruggeri, assaggiatrice ufficiale di oli ed esperta di cucina (nella foto), ci propone Linguine di Gragnano IGP ai profumi di Sicilia.  Un piatto ovviamente “personalizzato” con un olio extravergine di oliva che, stavolta, è rappresentato da un monovarietale Biancolilla fruttato medio/basso.

Difficoltà: media
Preparazione: 40 min
Cottura: 20 min
Dosi per: 4 persone
Costo: medio/basso

INGREDIENTI
• 320 g di linguine di Gragnano IGP
• 400 g di gamberi
• 1 spicchio d’aglio
• 1 limoni e 1 arancia non trattate in superficie
• 4 cucchiai di zucchero
• timo fresco
• sale
– Olio extravergine di oliva italiano monovarietale Biancolilla – Fruttato medio/leggero

PREPARAZIONE
Iniziare pulendo i gamberi: eliminate le teste e il carapace e sfilare l’intestino con l’aiuto di una pinzetta. Con un pelapatate sbucciare limone e arancia (tenere da parte per preparare le zeste da caramellare) e spremerli per ricavarne il succo.
In una padella antiaderente scaldare l’olio, unire uno spicchio d’aglio e, dopo qualche minuto, i gamberi. Cuocere per circa 2-3 minuti, aggiustate di sale, sfumare con il succo di limone e arancia e insaporire con foglioline di timo.
Preparare le zeste caramellate: le bucce del limone e dell’arancia (senza parte bianca) vanno sovrapposte per la lunghezza e tagliate a striscioline sottili. In una padellina mettere ½ tazza di acqua, 4 cucchiai di zucchero e portare a ebollizione, aggiungere le scorzette e lasciare caramellare c.ca 5 minuti. Lasciare raffreddare.
Scolare le linguine precedentemente cotte in abbondante acqua salata, saltare nella padella con i gamberi e unite un filo d’olio extravergine d’oliva monovarietale Biancolilla. Servire subito aggiungendo qualche zesta caramellata.

 

Potrebbe piacerti anche

Nessun risultato trovato.
Eliminare l’alternanza della produzione si può (e si deve)!
Caduta fogliare d’inverno? Effetto cambiamenti climatici

Author

Potresti leggere