Nuove tecnologie per il riscatto dell’olivicoltura eroica

Dai nuovi metodi di raccolta delle olive una risposta per il futuro
Enti e Associazioni
Views: 658

Lunedì prossimo, a partire dalle ore 9.00, a Massa Lubrense, presso l’Azienda agricola “Terre di Villa Angelina” si terrà l’evento “Nuove tecnologie per il riscatto dell’olivicoltura eroica”. Si tratta di un incontro per presentare nuove macchine per la raccolta in sicurezza delle olive, adatte al lavoro in collina ed in grado di preservare la qualità delle drupe nella fase di asporto dalle piante, che rappresenta il primo passo per ottenere un prodotto finale di eccellenza e destinato ad essere marchiato come Olio Campania Igp.
L’evento, promosso da Cia Campania con Italia Olivicola e con Luigi Milano, promotore del premio oleario Sirena d’Oro di Sorrento ed esperto di olivicoltura e oli, ha il duplice obiettivo di presentare le nuove soluzioni tecnologiche ad un gruppo di giovani raccoglitori che dovranno utilizzarle in sicurezza, sotto la guida di mani più esperte e per rilanciare il recupero degli oliveti collinari abbandonati della penisola di Sorrento. Anche i raccoglitori anziani – volontari formatori delle giovani leve – saranno presenti all’incontro. Mentre ingegneri esperti di sicurezza sul lavoro illustreranno gli aspetti salenti per l’utilizzo sicuro delle nuove macchine in uno ai dispositivi di protezione individuale.

Ulteriore elemento che sarà presentato durante “Nuove tecnologie per il riscatto dell’olivicoltura eroica”: con le operazioni di raccolta delle olive, che inizieranno il 20 settembre prossimo, saranno avviate alla trasformazione in Olio Campania Igp drupe di alberi presenti in fondi iscritti nei registri della Dop Penisola sorrentina, che godono della doppia iscrizione, sia nei registri della Igp Campania che in quelli della Dop Penisola sorrentina, opzione resa possibile grazie alle richieste agli organi competenti proprio di Luigi Milano e volte a potenziare le possibilità di valorizzazione della materia prima agricola.

Tags: Olivicoltura eroica, penisola sorrentina

Potrebbe piacerti anche

Le molteplici sfide della difesa fitosanitaria in olivicoltura
Ammodernamento frantoi: ecco gli ulteriori chiarimenti

Author

Potresti leggere