Jaime Lillo assume la carica di direttore esecutivo del COI

E' il primo spagnolo a guidare l'organismo internazionale
Enti e Associazioni
Views: 341

Il Consiglio oleicolo internazionale (COI) inizia il 2024 con Jaime Lillo (nella foto) come nuovo direttore esecutivo. Lillo, primo spagnolo ad assumere questa posizione, già vicedirettore del COI, succede al tunisino Abdellatif Ghedira, entrato in carica il 1° gennaio 2016 e il cui mandato è terminato a dicembre. Al direttore uscente sono stati riconosciuti “la dedizione e lo spirito resiliente che hanno contribuito a migliorare la reputazione dell’organizzazione intergovernativa”.

Conoscendo bene il COI, essendone stato vicedirettore negli ultimi sette anni e mezzo, Lillo ha partecipato attivamente all’attuazione della strategia di espansione del COI, incorporando nuovi membri e avvicinandosi ai principali paesi consumatori di olio d’oliva e di olive da tavola che fungono da osservatori dell’organizzazione. Lo stesso ha anche contribuito a migliorare l’armonizzazione degli standard commerciali internazionali per l’olio di oliva e gli oli di sansa di oliva; ha supervisionato un aumento significativo dei laboratori di analisi sensoriale riconosciuti dal COI; e ha avviato numerose attività legate all’ambiente, al cambiamento climatico, alle risorse genetiche dell’olivo e alla sostenibilità.

Per quanto riguarda le sfide, il nuovo direttore esecutivo del COI si è impegnato a migliorare il ruolo di questa organizzazione “come l’unica organizzazione intergovernativa al mondo che riunisce quasi tutti i paesi produttori e consumatori di olio d’oliva e olive da tavola”. Sotto la sua guida, il COI promuoverà il coordinamento delle attività politiche con i suoi membri, in particolare per quanto riguarda la sostenibilità e il contributo unico dell’oliveto alla lotta contro il cambiamento climatico.

“Nei prossimi anni e sotto l’egida di un’agenda comune e di un dialogo continuo con i suoi paesi membri, il COI intende aumentare la propria visibilità sulla scena mondiale per sviluppare gli obiettivi stabiliti nell’Accordo internazionale sull’olio d’oliva e sulle olive. rafforzare gli standard commerciali per questi prodotti al fine di agevolare i flussi commerciali e ridurre le barriere; e rafforzare la cooperazione tecnica nel suo insieme per diffondere le migliori pratiche e migliorare la qualità dell’olio e la conoscenza dei consumatori sugli infiniti attributi dei prodotti olivicoli “, si legge in una nota del COI.

Jaime Lillo è un ingegnere agrario del Politecnico di Madrid specializzato in Economia Agraria e ha una vasta esperienza in questioni agricole in Spagna e nell’Unione Europea.

Sfoglia gratuitamente l’Olivo News cliccando qui

Tags: CIO, in evidenza, Lillo

Potrebbe piacerti anche

Più rese in olio e più qualità con la CO2 solida in prefrangitura
Terza edizione del premio oleario San Vincenzo La Costa

Author

Potresti leggere